Il contratto sociale di Rousseau

corpo politico
Contratto sociale
Amedeo

Corpo politico come comunità

La comunità come corpo politico Il corpo politico è la parte elementare della comunità. “L’uomo è nato libero ma ovunque è in catene” Parte subito

Leggi
sovranità
Contratto sociale
Amedeo

La sovranità

La sovranità Come si esprime la sovranità? Nel precedente episodio abbiamo parlato di come l’uomo abbia deciso di abbandonare il suo stato di natura per

Leggi
leggi
Contratto sociale
Amedeo

Le leggi

Le leggi Le leggi sono l’espressione degli atti di sovranità. Nel precedente episodio abbiamo visto che deve essere il corpo politico, inteso come corpo sovrano,

Leggi
governo
Contratto sociale
Amedeo

Il governo

Il governo Qual è la vera funzione del governo? Il corpo politico, cioè l’unione dei cittadini sotto il patto sociale, esprime la propria volontà mediante

Leggi
la vita dello stato
Contratto sociale
Amedeo

La vita dello stato

La vita dello Stato La vita dello stato: come si differenziano le forme di governo? Si deve tenere conto di un parametro che oscilla tra

Leggi
morte dello stato
Contratto sociale
Amedeo

La morte dello Stato

La morte dello Stato La morte dello Stato esiste anche per il corpo politico. Come il corpo umano, anche il corpo politico possiede una durata

Leggi
patto sociale
Contratto sociale
Amedeo

Il patto sociale è indistruttibile

Il patto sociale è indistruttibile Il patto sociale è indistruttibile: qualunque sia l’ordinamento legislativo che caratterizza uno Stato, ciò che vale sempre è che in

Leggi

Il contratto sociale di Rousseau: lo spirito collettivo

Il contratto sociale di Rousseau pone un problema fondamentale: come si possono mettere insieme tante volontà individuali per costituire una collettività prospera?

Infatti in questo saggio viene messo in risalto il fatto che esistono due volontà: quella particolare, propria del singolo individuo, e quella generale, appartenente alla comunità.

Abbiamo scelto di analizzare questo saggio perché riteniamo che nella società occidentale, di forte connotazione individualistica, ci sia la necessità di rammentare il potere che la comunità può avere su ognuno di noi.

Il valore della collettività

Il nostro tempo è connotato da una lunga scia in cui predomina un’atmosfera di crisi: in questa perenne condizione di pericolo ognuno si chiude su sé stesso per difendere la propria esistenza.

Quindi l’effetto è che negli anni vengono costruiti muri, si sente la necessità di difenderci anche dal nostro vicino perché potenzialmente pericoloso. Infatti tendiamo a chiuderci su noi stessi, e l’effetto è quello di una disgregazione dell’armonia dell’anima collettiva.

Il singolo difende il proprio interesse, delimita i propri confini e ci si arma per il prossimo conflitto. La conseguenza è la crisi della democrazia che stiamo attraversando, non chiaramente conclamata dal main stream.

Il contratto sociale di Rousseau

Il contratto sociale di Rousseau e la morte dello Stato

La guerra fredda tra gli individui risulta nella “morte dello stato”, come dice il contratto sociale di Rousseau: nascono continue polarizzazioni, i politici fondano la propria propaganda nella denigrazione del nemico, la società si dissolve in divisioni interne che hanno il sapore di tifo da stadio.

Cosa possiamo fare noi? Riflettere sul bene comune che la collettività ci garantisce, in quanto senza di esso il genere umano non riuscirebbe a conservare tutte le conquiste ottenute con fatica, sudore e sangue.

Iscriviti al nostro canale YouTube per vedere l’intera playlist ed essere aggiornato su tutte le novità!